Una parte della politica calabrese scende in campo contro l’approvazione della modifica alle normative regionale in materia di installazione e funzionamento degli apparecchi da gioco.

In tutte le comunicazioni, compresi i messaggi lanciati oggi attraverso una conferenza stampa, i politici che si stanno attivando in questo senso muovono diverse accuse contro i colleghi che hanno proposto le modifiche alla legge regionale sostenendo che in questo modo si espongono al rischio di gioco d’azzardo patologico soprattutto i giovani.

Ecco come stanno veramente le cose.

  • Sono state presentate modifiche che di fatto cancellano gli strumenti più efficaci per contrastare la ludopatia riducendo il distanziometro, ovvero la distanza dai luoghi sensibili.
  • FALSO

Le modifiche introducono una serie di correttivi alla norma che oltre ad applicare una distanza minima alle slot prevede identiche misure restrittive per calciobalilla, videogiochi e flipper.

Nessuno dei consiglieri regionali dice infatti che il ‘distanziometro’ dei 500 metri dai luoghi sensibili vale anche nel caso che si voglia installare un flipper in un bar. Viene così da chiedersi come questo nuocerebbe e quali conseguenze avrebbe per la salute dei giovani.

Le distanze minime restano confermate nel caso in cui si intendano installare NUOVI apparecchi a vincita, o in aggiunta rispetto a quelli autorizzati e per le slot installate dopo il 2018.

Tale obbligo vale per QUALSIASI tipologia di esercizio pubblico, eliminando la distinzione tra esercizi commerciali e rivendite di genere.

I sindaci possono introdurre limitazioni orarie al funzionamento degli apparecchi, fissando regole uniforme per qualsiasi tipologia di gioco, entro novanta giorni dall’entrata in vigore della legge.

Come da recenti (fonte Governo) riferibili al 2021, le slot sono, nella classifica tra le offerte di gioco legali (escluso l’online), al 9° posto per pratica di gioco da parte dei giovani. Più delle slot i ragazzi giocano a bingo, lotto, poker texano, scommesse virtuali concorsi a pronostico ecc.La legge regionale, va ricordato, prevede distanze e limitazioni unicamente al funzionamento delle slot, dei flipper, calciobalilla, videogiochi e ogni altro gioco senza vincita in denaro.

(nella foto i consiglieri regionali della Calabria Davide Tavernise e Antonio Lo Schiavo)

Articolo precedenteBiancavilla (CT): controlli in un bar, rinvenuti 8 apparecchi da gioco abusivi. Sanzione per 400.000 euro
Articolo successivoGiochi di Natale, in tutte le lobby Microgame una “Slitta piena di Promo”