I Carabinieri della Stazione di Biancavilla e i funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, il 16 novembre scorso, hanno effettuato dei controlli ispettivi in un bar sito nella centrale Via Vittorio Emanuele, scoprendo la gestione illegale di un’attività di gioco.

I funzionari e i Carabinieri hanno rinvenuto, accesi e funzionanti, otto apparecchi videogiochi totem adibiti ai giochi da casinò con vincite in denaro, identificando 5 avventori intenti a giocarvi. Generalmente, tramite un contratto di comodato d’uso, i totem sono destinati ad offrire prodotti e servizi on line e dai terminali non è consentito accedere a siti di gioco con vincita in denaro. All’atto del controllo, invece, le apparecchiature erano accese e funzionanti ed utilizzate come veri e propri videogiochi, senza alcun titolo autorizzatorio rilasciato dall’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli e senza alcun collegamento alla banca dati nazionale.

Per tale motivo sono state comminate sanzioni amministrative per un totale di 400.000 euro. Se il gestore del bar provvederà a pagare in misura ridotta entro sessanta giorni sarà tenuto al versamento di 80.000 euro, evitando la sanzione accessoria della chiusura del locale da trenta a sessanta giorni. Il titolare è stato inoltre denunciato per l’assenza della prevista tabella dei giochi proibiti dallo Stato e per il gioco d’azzardo.

Articolo precedenteDismissione delle AWP dagli esercizi generalisti, AS.TRO scrive al comune di San Lazzaro di Savena (BO)
Articolo successivoCalabria, la politica anti-slot e le tante bugie: flipper e calciobalilla non alimentano la ludopatia