Dal 30 aprile in Calabria sarà “consentita la ripresa delle attività di bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie, agriturismo con somministrazione esclusiva attraverso il servizio con tavoli all’aperto”. È quanto previsto da un’ordinanza per la fase 2 firmata dalla governatrice della Calabria, Jole Santelli. Secondo l’ordinanza, queste stesse attività “possono essere riattivate presso gli esercizi che rispettano le misure minime “anti-contagio” e ferma restando la normativa di settore”. Si tratta ovviamente di una riapertura parziale, nel senso che parte delle attività, vedi giochi e scommesse, continueranno ad essere inibite. Effetto della nota direttoriale del 29 aprile dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che dispone il blcco delle attività di gioco, come slot e scommesse, negli esercizi come contenimento diffusione coronavirus.

Il governo, a quanto si apprende, andrebbe verso la diffida dell’ordinanza della Regione Calabria . L’ordinanza, che va in direzione contraria al Dpcm sul lockdown in vigore fino al 3 maggio, e’ stata oggetto di dibattito nel corso del Cdm conclusosi nella notte.