calabria
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Due le proposte di legge approvate oggi dalla Prima Commissione consiliare “Affari istituzionali, affari generali e normativa elettorale” della Calabria, presieduta dal consigliere Franco Sergio.

La prima proposta normativa n. 305/10^ (d’iniziativa dei consiglieri C.A.L. e dello stesso presidente Sergio) dal titolo “Integrazioni alla legge regionale del 5 gennaio 2007, n. 1 (Istituzione e disciplina del Consiglio regionale delle Autonomie Locali) è diretta – come ha illustrato Sergio – “ad aggiornare le disposizioni normative della citata legge regionale al dettato della normativa nazionale che ha soppresso la Provincia di Reggio Calabria con la contestuale istituzione della relativa Città Metropolitana. Specificamente, introduce l’esercizio della facoltà di delega per i membri di diritto in caso di impedimento a partecipare alle sedute del C.A.L. In particolare, tale introduzione – come ha evidenziato Franco Sergio – va a colmare un vuoto normativo che nella precedente legislatura ha causato non pochi problemi in ordine al normale svolgimento dei lavori del C.A.L. proprio per la difficoltà di conciliare i gravosi impegni istituzionali dei presidenti delle Province e dei sindaci dei Comuni capoluogo con l’attività del Consiglio delle Autonomie Locali”.

Successivamente, l’organismo ha proceduto all’esame abbinato della proposta di legge n. 214/10^ (d’iniziativa dei consiglieri Bova, Arruzzolo, Cannizzaro, Nicolò, Graziano, Morrone, Romeo, Giudiceandrea, Sergio, Neri e Battaglia) recante: “Interventi regionali per la prevenzione ed il contrasto della criminalità organizzata e per la promozione di una cultura della legalità e dell’economia responsabile” e di quella n. 215/10^ d’iniziativa della Giunta recante: “Modifica alla legge regionale 16 ottobre 2008 n. 31”.

Il testo in discussione su cui la Commissione ha espresso oggi parere favorevole è quello rinviato alla Prima Commissione per un riesame, su richiesta della Commissione Bilancio.
Su proposta del presidente Sergio – dei 22 emendamenti depositati a firma del consigliere Bova – l’organismo consiliare ha esaminato quelli finalizzati all’acquisizione delle indicazioni poste dalla Commissione Bilancio, rinviando al vaglio dell’Aula gli aspetti sostanziali.

Nell’illustrare preliminarmente il testo, il consigliere Bova, sottolineando l’importanza della proposta normativa, aveva tra l’altro evidenziato l’urgenza di approvarla per rendere fruibili i fondi e dunque le opportunità previste dai tre Protocolli firmati con i Ministeri: ‘Liberi di scegliere’; Contrasto al fenomeno del caporalato e Contrasto alla ludopatia e al gioco d’azzardo’”.

Alla seduta hanno preso parte i consiglieri: Bova, Battaglia, Morrone e Nucera.

Commenta su Facebook