La Netherlands Gaming Authority (Ksa) ha pubblicato oggi la relazione annuale 2019 e l’agenda di monitoraggio 2020. Entrambi i documenti mostrano che le attività ai sensi del Remote Gambling Act hanno la priorità e richiedono molto impegno.

Il presidente del consiglio di amministrazione René Jansen parla del 2019 come un “anno storico”, perché in quest’anno è stata presa la decisione di modernizzare la politica olandese del gioco d’azzardo.

Nel febbraio 2019, infatti, il Senato ha approvato la legge sul gioco a distanza (Koa) modificando la legge sul gioco d’azzardo del 1964.

La nuova legge, che probabilmente entrerà in vigore il 1° gennaio 2021, legalizza e regola il gioco d’azzardo online e stabilisce requisiti aggiuntivi per la prevenzione della dipendenza.

Queste nuove regole si applicheranno ai fornitori di tutti i prodotti di gioco a rischio, sia online che land based. Il presidente di Ksa René Jansen è convinto che i consumatori trarranno beneficio dalla modernizzazione.

In un mercato regolamentato, il Ksa è molto più forte nel proteggere i consumatori, perché i fornitori di giochi d’azzardo sono controllati.

Il fatto che i consumatori beneficino di requisiti rigorosi e chiari nel campo della prevenzione della dipendenza non ha bisogno di ulteriori spiegazioni. Alla gente piace giocare d’azzardo, ma il gioco d’azzardo è anche rischioso.

La relazione annuale spiega cosa succede nel contesto del Koa Act, le attività nel 2019 sono riportate sulla base dei compiti statutari della Ksa. Questi sono: proteggere i consumatori; prevenire la dipendenza da gioco d’azzardo; contrastare l’illegalità e la criminalità; fornire informazioni.

Per quanto riguarda la lotta alle offerte illegali, è sorprendente che nel 2019 il Ksa abbia imposto un importo record di multe a fornitori di giochi d’azzardo online illegali: 3,5 milioni di euro.

L’Agenda 2020 di vigilanza afferma che il Ksa concentrerà la propria supervisione su tre priorità: impedire ai minori di partecipare ai giochi d’azzardo; avviare iniziative per la prevenzione della dipendenza; combattere l’offerta di giochi d’azzardo illegali (online e fisici).

Intanto però, a causa dell’emergenza Coronavirus, gli incontri a Utrecht per il settore terrestre sul registro centrale per l’esclusione dei giochi d’azzardo (Cruks) sono stati annullati.

Il Ksa non vede opportunità nel breve termine di organizzare nuovi incontri “dal vivo”. Ecco perché l’authority è alla ricerca di soluzioni alternative per fornire informazioni. Anche in considerazione delle circostanze eccezionali e delle gravi conseguenze che ne derivano per i casinò e le sale giochi, sono stati presi contatti con l’industria e le altre parti interessate.