Il settore globale del gioco d’azzardo ha iniziato la sua ripresa post-pandemia nel 2021. Il COVID-19 gli ha fatto perdere quasi 100 miliardi di dollari nel 2020. Nel 2020, il gioco d’azzardo globale ha subito il peggior calo dei ricavi da quando Global Betting and Gaming Consultants (GBGC) ha iniziato a compilare i suoi report sul gioco.

I ricavi globali del gioco d’azzardo sono scesi da 458 miliardi di dollari nel 2019 a 364 miliardi di dollari nel 2020, ma sono risaliti sopra i 400 miliardi di dollari nel 2021, a 410 miliardi di dollari, con un aumento del 13%. Il blocco dell’attività delle società in molti paesi ha dato una spinta ai canali di vendita digitali e il gioco d’azzardo ha beneficiato di questo cambiamento comportamentale. Prima della pandemia, l’e-gaming rappresentava il 12%-13% delle entrate globali del gioco d’azzardo. La quota di mercato dell’e-gaming è balzata al 19% nel 2020 e i dati provvisori compilati da Global Betting and Gaming Consultants suggeriscono che ha superato il 21% nel 2021.

Ci sono diversi fattori alla base dell’aumento della quota. Il poker online è stato sicuramente aiutato dai blocchi nel 2020. La spinta del poker è stata temporanea in molti mercati, con i ricavi che sono nuovamente diminuiti quando il lockdown è terminato nel terzo trimestre del 2020. Negli Stati Uniti, il processo di regolamentazione delle scommesse sportive in corso dal 2018 è stato tempestivo per aiutare alcuni stati a rendere disponibili le scommesse su Internet. In tutti i mercati delle scommesse, c’è stata una certa misura di domanda repressa quando gli sport sono ripresi nel terzo trimestre del 2020 e i tornei rinviati si sono svolti nel 2021. In molti casi, le lotterie nazionali e statali sono state in grado di continuare a tenere estrazioni, anche se i punti vendita erano chiusi, il che ha dato una spinta alle vendite digitali delle lotterie.

La crescita dell’e-gaming è continuata nel 2021, quando molti paesi hanno avuto ulteriori blocchi e restrizioni sulle attività di vendita al dettaglio. Alcuni regolatori hanno cercato di frenare la domanda di giochi elettronici imponendo limiti di deposito e restrizioni pubblicitarie. Il numero di visitatori di alcune delle più importanti giurisdizioni mondiali del gioco d’azzardo è stato lento a riprendersi dalla pandemia di COVID-19. Blocchi, chiusure e restrizioni di viaggio hanno avuto un forte impatto sul numero di visitatori in luoghi come Macao, Las Vegas e Singapore. Las Vegas ha avuto la ripresa più forte, ma il numero di visitatori rimane al di sotto dei livelli pre-pandemia. In Asia, i mercati dei casinò registrano ancora livelli di visitatori inferiori dell’80% rispetto ai livelli pre-pandemia, anche nel primo trimestre del 2022.

Articolo precedenteFirenze, al via nel Mugello campagna di sensibilizzazione sul gioco d’azzardo
Articolo successivoCipro: via libera dalla Commissione Europea ai “Regolamenti per la protezione dei giocatori, dei giovani e dei giocatori patologici”