Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Il Consiglio di Stato ha rigettato il ricorso di una sala Bingo contro il Comune di Rovigo che aveva chiesto l’annullamento della sentenza del Tar Veneto sulla definizione degli orari di esercizio delle sale gioco. Il Tribunale amministrativo Veneto aveva rigettato la richiesta di annullamento del regolamento sui giochi del Comune di Rovigo e successivamente la sala bingo aveva fatto ricorso al Consiglio di Stato, ottenendo però un altro rigetto della domanda. Secondo i giudici “l’ordinanza comunale impugnata non preclude integralmente lo svolgimento dell’attività espletata dall’appellante, ma ne limita soltanto l’orario di esercizio” e “nella comparazione dei contrapposti interessi convolti nella vicenda appare prevalente quello dell’amministrazione pubblica ad attivare tutti gli strumenti potenzialmente idonei a contrastare i fenomeni di ludopatia”.

Commenta su Facebook