Disarticolato dai Carabinieri un gruppo dedito a Siracusa allo spaccio di cocaina, marijuana e hashish, e che si approvvigionava a Catania e Palermo. Dodici provvedimenti cautelari (10 in carcere e 2 divieti di dimora nella provincia di Siracusa) sono stati eseguiti all’alba di oggi dai Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Siracusa con il supporto di un elicottero del 12° Elinucleo Carabinieri di Catania e di unità cinofile antidroga del Nucleo Carabinieri Cinofili di Nicolosi per altrettante persone ritenute responsabili a vario titolo, di concorso continuato in detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Advertisement

Le misure sono state emesse dal Gip del Tribunale di Siracusa, Andrea Migneco, su richiesta del Procuratore Aggiunto della Procura di Siracusa, Fabio Scavone e del Sostituto Procuratore, Marco Dragonetti a seguito delle risultanze di indagini condotte da agosto a novembre 2018 dai Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Siracusa.

In particolare l’operazione è stata chiamata “Varenne” (come il famoso cavallo da corsa) in quanto tra le persone fermate c’è anche un uomo che lavorava nel mondo dell’ippica, si muoveva in tutta la Sicilia, e nelle telefonate intercettate utilizzava un linguaggio che faceva chiaro riferimento al mondo dei cavalli per riferirsi ai diversi tipi di stupefacente: l’hashish, sostanza dal tipico colore marrone, per esempio veniva chiamata “sauro”, un cavallo dal tipico manto castano.

Nel corso delle indagini sono stati sequestrati complessivamente 73 chili di hashish e 171 grammi di cocaina e sono state arrestate in flagranza 16 persone. L’introito stimato del giro di droga è di circa 350.000 euro.