gdf
Print Friendly, PDF & Email

SCOMMESSE – La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Napoli impegnata nella lotta ai fenomeni illeciti, ha dato avvio ad una attenta ricognizione del mondo del web, con l’obiettivo di individuare siti di raccolta scommesse non autorizzati dai monopoli di stato dediti alle attività illecite, come adesempio truffe connesse alla distribuzione on line di scommesse su eventi sportivi, con conseguenti vincite in denaro.

Nello specifico i Finanzieri del 1° Gruppo Napoli hanno individuato sei siti web dediti alle scommesse sportive prive delle autorizzazioni necessarie operanti sul territorio nazionale. Le società avevano sedi in Paesi esteri di Panama, Curacao e Stati Uniti d’America.

A margine dell’attività investigativa, i Baschi Verdi hanno informato l’autorità giudiziaria competente per le violazioni di cui all’art. 4 commi 4 e 4 bis della legge 13 dicembre 1989, n. 401 (esercizio abusivo dell’attività di giuoco e scommesse).

L’AAMS (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli), ex art. 1 legge finanziaria 2006, ha quindi provveduto ad emettere provvedimento di inibizione dei siti di gioco individuati e non autorizzati, con successivo oscuramento, impedendo in questo modo la reiterazione dell’attività illecita.

Per evitare di cadere nella rete dei siti da gioco non autorizzati e dunque illegali, quelli autorizzati sono riconoscibili dal logo del timone “gioco sicuro” e dal logo AAMS. Inoltre il concessionario riporta chiaramente nel proprio sito il numero di concessione dei giochi, la sede della società e il numero di partita iva.

Commenta su Facebook