Nel tardo pomeriggio dello scorso giovedì, alcuni agenti del commissariato Nesima si sono accorti di uno strano via vai di persone nei pressi di una cartoleria a Catania. Per dissipare ogni dubbio, i poliziotti hanno deciso di controllare una persona appena uscita dal locale la quale ha riferito loro di aver effettuato delle scommesse sportive di cui ha esibito le due schedine di gioco appena fatte e il palinsesto degli eventi sportivi.

Una volta all’interno, i poliziotti hanno appurato che le scommesse mostrate dall’uomo erano state eseguite su una piattaforma telematica non autorizzata in quanto non collegata al sito dell’Azienda Autonoma Monopoli di Stato. Estendendo il controllo alla documentazione presentata dal titolare, hanno anche accertato che questi, assente al momento del controllo ma giunto perché chiamato dal personale della sala scommesse, aveva depositato negli Uffici della Direzione Attività Produttive del Comune di Catania una Scia (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) per il commercio di articoli da cartoleria (attività questa risultata inesistente) e di internet point.

Una volta rilevato che l’agenzia di scommesse era stata attivata dal titolare senza essere in possesso della concessione dell’Aams e della licenza di Polizia rilasciata dal questore, l’uomo è stato denunciato all’autorità giudiziaria per aver svolto l’attività organizzata al fine di accettare o raccogliere scommesse o comunque favorire l’accettazione o in qualsiasi modo la raccolta, anche per via telefonica o telematica, di scommesse di qualsiasi genere e per aver consentito ai clienti di consultare i palinsesti degli eventi sportivi nazionali ed esteri, incassando dagli scommettitori le somme di denaro in contanti e rilasciando loro le relative schedine di gioco.

All’interno del locale, è stata, inoltre, riscontrata la presenza di diverse postazioni Pc collegate a un sito web.com che proponeva video slot, giochi da tavolo, poker e video giochi a rulli virtuali con vincite in denaro, non rispondenti alle caratteristiche stabilite dalla legge. È stata rilevata anche la mancanza dell’esposizione di apposite targhe, all’interno e all’esterno dell’esercizio, di avvertimento ai fini della prevenzione dei fenomeni di gioco compulsivo.

Una volta cristallizzate tutte le violazioni commesse sia dal titolare dell’esercizio che dall’avventore, per sanzioni complessive superiori ai 100.000 euro, gli agenti hanno sequestrato i computer e le stampanti termiche utilizzate per il rilascio degli scontrini delle giocate, disponendo, infine, ai sensi della normativa anticovid, la chiusura dell’esercizio commerciale per 5 giorni. Giova precisare che il titolare, pochi mesi addietro, era già stato sanzionato e denunciato all’autorità giudiziaria per le stesse violazioni sottostando, anche in quella circostanza, alla chiusura dell’esercizio per lo stesso periodo di tempo.