A testa alta Jack da Noicattaro (BA) sfoga tutta la sua delusione per le continue vessazioni che subisce il settore del gioco.

“A testa alta, sempre, non abbiamo nulla, dico nulla da nascondere. Siamo alle solite, il gioco fa male, è ludopatia, allora perché non avete bloccato l’online? Vergogna, ma come mai in Svezia si corre normalmente negli ippodromi e qui in Italia volete uccidere quel settore nicchia che fa vivere migliaia di famiglie? A testa alta, perché noi, a suo tempo ci abbiamo messo la faccia, la casa, il giardino e tu caro parlamentare dove eri? Abbiamo pignorato pure le mogli per fare questo lavoro, ma via non siate ipocriti, dite la verità. Voi sareste in grado di fare cosa? Di distruggere quel settore dove campano centinaia di migliaia di famiglie che non conoscono il sabato e la domenica. Voi sareste in grado di capire o di sapere quando il gioco diventa ludopatico? Ma smettiamola. Aprono i centri commerciali e chi controlla tutti gli ingressi, quante persone entreranno nei negozi dei grossi marchi? Ma siete sicuri? E poi noi, quelli che hanno combattuto l’illegalità nell’ultimo ventennio, dobbiamo essere tacciati di rovinare le famiglie. Siete voi che rovinate le famiglie. Avete alzato non so quante volte il Preu, adesso ciliegina sulla torta volete anche una percentuale della raccolta. Ma voi non state bene. Tornate da dove siete venuti. Noi vessati, tassati e tartassai diciamo basta”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome