La Commissione europea ha deciso di avviare un’indagine formale su una presunta violazione delle norme sugli aiuti di Stato in un caso che coinvolge lo stato belga e l’operatore di scommesse Ladbrokes.

Il caso è stato notificato per la prima volta alla Commissione europea (CE) nel marzo 2019 e riguarda l’autorizzazione esclusiva concessa a Ladbrokes nel 2014 per gestire giochi di scommesse virtuali in Belgio.

Il diritto esclusivo di operare scommesse virtuali è stato contestato da due operatori di gioco d’azzardo concorrenti la cui richiesta di autorizzazione è stata negata dalla Commissione belga per il gioco d’azzardo, che all’epoca ha affermato che stava rivedendo la legislazione in materia di gioco d’azzardo.

La CE ha dichiarato mercoledì (2 settembre) di aver deciso di avviare una procedura di indagine formale sulla possibile distorsione della concorrenza nel campo delle scommesse virtuali in Belgio, sebbene la base della sua decisione non sia ancora stata resa pubblica.