Agenti del Commissariato di Adrano, diretto dal Vice Questore Paolo Leone unitamente a personale della Squadra Amministrativa della Questura di Catania, durante un servizio di contrasto al fenomeno del gioco d’azzardo e delle scommesse clandestine, hanno denunciato un uomo poiché gestiva una sala pubblica da gioco senza essere in possesso dell’autorizzazione prevista. I poliziotti, a seguito di un controllo amministrativo in una sala giochi, sita nel centro cittadino di Adrano, poco distante dal Castello, hanno accertato che, all’interno del suddetto esercizio, il titolare aveva installato, reso funzionanti e messo a disposizione dei clienti, un calcio balilla e un tavolo da biliardo, senza avere mai provveduto alla richiesta della relativa licenza né alla prevista affissione della tabella dei giochi proibiti. Il locale in questione, oltre alle sanzioni previste per le mancanza delle licenze necessarie, è stato inoltre destinatario di un provvedimento di chiusura per cinque giorni in quanto il gestore non ottemperava alle misure previste per il contenimento del rischio epidemiologico da Covid-19; oltre al titolare, anche un avventore è stato sanzionato poiché non indossava la mascherina di protezione.