Un divieto di promozioni, comprese le cosiddette “scommesse gratuite”, spingerebbe quasi un terzo degli scommettitori al mercato nero che raccoglie già milioni dalle corse di cavalli, secondo i nuovi dati pubblicati.

Gli attivisti anti-gioco d’azzardo hanno chiesto al governo britannico di introdurre un divieto completo delle promozioni degli scommettitori nelle sue imminenti riforme del Gambling Act, nonostante uno sbalorditivo 69% dei clienti affermi che dovrebbero essere consentiti.

Una nuova ricerca condotta da YouGov per conto del Betting and Gaming Council ha rilevato che, oltre al 69% degli scommettitori, le scommesse gratuite dovrebbero essere consentite, il 63% ha affermato di trovare le promozioni una parte preziosa del proprio hobby.

È preoccupante che quasi uno su tre scommettitori (28%) abbia affermato che prenderebbe in considerazione le scommesse sul mercato nero se i ministri ignorassero la loro popolarità e obbligassero ad un divieto draconiano.

Oltre a allontanare gli scommettitori dal settore regolamentato, l’analisi condotta dal BGC ha rilevato che la mossa avrebbe colpito il Levy delle corse di cavalli per circa 5 milioni di sterline all’anno, in un doppio colpo al settore.

Gli scommettitori possono richiedere offerte promozionali quando aprono un conto con un operatore di scommesse e giochi regolamentato nel Regno Unito e possono smettere di riceverle in qualsiasi momento.

L’amministratore delegato del Betting and Gaming Council, Michael Dugher, ha dichiarato: “Le promozioni e le offerte fanno parte dell’esperienza del cliente per qualsiasi settore dinamico, incluso il nostro settore altamente competitivo, che supporta 119.000 posti di lavoro e porta 4,4 miliardi di sterline in tasse al Tesoro.

I divieti generali sulle offerte sarebbero contrari agli scommettitori e degraderebbero gravemente l’esperienza del cliente, punendo la stragrande maggioranza degli scommettitori che scommettono in sicurezza. Il gioco d’azzardo problematico è dello 0,2%. Immaginate il clamore se i supermercati fossero costretti a vietare offerte e promozioni per birra e vino? Non vediamo alcuna differenza per il nostro settore.

Un divieto draconiano danneggerebbe un settore su cui decine di migliaia di persone fanno affidamento per il proprio sostentamento, allontanando gli scommettitori dall’industria regolamentata spingendola nelle braccia del gioco d’azzardo non sicuro e non regolamentato del mercato nero, dove il numero di utenti che utilizzano tali siti è raddoppiato negli ultimi anni e l’importo della scommessa è di miliardi. Questi siti non hanno nessuno degli strumenti di gioco d’azzardo più sicuri utilizzati dall’industria regolamentata.

Una mossa del genere colpirebbe anche il gettito dalle corse di cavalli per £ 5 milioni, ma la perdita di scommettitori a causa del mercato nero non regolamentato colpirebbe senza dubbio anche altri finanziamenti regolamentati per le corse come i diritti dei media e la sponsorizzazione.

Sosteniamo l’approccio ‘guidato dall’evidenza’ del governo alla riforma del gioco d’azzardo, motivo per cui qualsiasi cambiamento dovrebbe essere attentamente mirato a proteggere i giocatori vulnerabili e quelli a rischio, non la stragrande maggioranza che scommette in sicurezza. I ministri non dovrebbero indagare il modo in cui le persone scelgono di spendere i propri soldi, e l’ultima cosa che dovrebbero fare in questo momento è danneggiare gli affari e lo sport”.

Il gioco d’azzardo del mercato nero è più che raddoppiato in soli due anni, da 220.000 utenti a 460.000 e l’importo puntato è ora di miliardi di sterline.

Il divieto di scommesse gratuite è l’ultima proposta suggerita dalla lobby anti-gioco d’azzardo che potrebbe colpire i ricavi delle corse di cavalli dopo controlli generali di accessibilità.

Questi significa che i test, che costringerebbero gli scommettitori a produrre documenti finanziari personali come estratti conto bancari prima che possano scommettere solo £ 100 al mese, potrebbero ridurre fino a £ 100 milioni all’anno le scommesse regolari sulle corse di cavalli, secondo gli esperti del settore.

In totale, l’industria regolamentata delle scommesse e dei giochi contribuisce con circa 350 milioni di sterline all’anno alle corse di cavalli nel Regno Unito attraverso il prelievo, i diritti dei media e la sponsorizzazione. Questo finanziamento è stato fondamentale durante la pandemia.

Ma ci sono crescenti preoccupazioni che nuove misure all’esame del governo possano mettere a repentaglio questo finanziamento vitale.

Articolo precedenteSu CasinoMania è arrivata la XXXtreme Lightning Roulette
Articolo successivoDl PNRR 2 e norme su scommesse e apparecchi di puro intrattenimento, Comitato legislazione Camera: “Si valuti finalità dell’articolo sui giochi”