L’Associazione Gestori Scommesse Italia, in rappresentanza dei gestori di agenzie di scommesse su eventi sportivi e ippici autorizzati dallo Stato, hanno presentato alla Regione Campania una proposta con una serie di indicazioni su come queste attività potrebbero riaprire nel rispetto delle condizioni che garantiscano la sicurezza di clienti e di operatori rispetto al rischio di contagio da Coronavirus.

I titolari degli esercizi commerciali hanno risposto a una sollecitazione della stessa Regione che ha deciso di raccogliere le proposte delle singole categorie con lo scopo di definire un piano per la riapertura delle attività.

Nello specifico le agenzie di scommesse si impegnano a:

  • controllare la temperatura
  • rispettare tutte le disposizioni delle Autorità in materia di contrasto al contagio sul posto di lavoro mantenendo le distanze di sicurezza
  • fornire a chi sprovvisto mascherine e guanti
  • fornire disinfettante per le mani
  • consentire l’accesso ai clienti in modo regolamentato nei locali nel modo seguente:
  • fino a 50 mq 3 clienti e 2 dipendenti
  • da 51 a 75 mq 4 clienti e 2 dipendenti
  • da 76 a 100 mq 5 clienti e 3 dipendenti
  • da 101 a 125 mq 7 clienti e 3 dipendenti
  • da 126 a 150 mq 8 clienti e 4 dipendenti
  • oltre 151 mq 9 clienti e 4 dipendenti

I gestori si impegnano anche a garantire la pulizia e la sanificazione degli ambienti, delle postazioni lavorative e di gioco. Oltre a ciò di doterebbero i locali di pannelli di vetro in modo da separare l’addetto alla accettazione delle scommesse dalla clientela. (nella foto Pasquale Chiacchio, presidente di AGSI).