Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Accogliamo con favore le parole del Governatore della Liguria, Giovanni Toti, e dell’Assessore allo sviluppo economico, Edoardo Rixi: c’è bisogno di una proroga degli effetti della legge che legittimi il tavolo di concertazione tra istituzioni e operatori.

Diciamo invece no – per dignità imprenditoriale – alla proposta del partito Democratico di sospendere le sanzioni agli esercizi, mantenendo però gli effetti espulsivi del gioco lecito previsti dalla legge regionale”. E’ quanto afferma Lorenzo Verona, Vicepresidente e responsabile per i territori di As.Tro, associazione di gestori slot che aderisce a Confindustria-Sit, al termine dell’audizione di questa mattina al Consiglio regionale. “Vogliamo subito l’apertura di un tavolo di confronto con tutte le forze politiche – ha aggiunto – con l’obiettivo di trovare soluzioni condivise: se dobbiamo ridurre l’offerta di gioco, non si può intervenire su un solo prodotto, vale a dire le slot. L’effetto paradossale sarebbe di non tutelare il giocatore, che finirebbe per rivolgersi al mercato illegale, e distruggere l’industria. La proposta della maggioranza che governa la Liguria non favorisce il gioco d’azzardo, semplicemente il Presidente Toti ha individuato alcune criticità nella norma e vuole risolverle con gli operatori. Condividiamo pienamente la sua posizione”.     

 

Commenta su Facebook