Come richiesto da Confesercenti questa mattina,  l’INPS ha prorogato dal 31 luglio al 30 settembre 2021 i termini di scadenza per la presentazione delle domande per l’esonero contributivo dei lavoratori autonomi. A darne notizia un messaggio dell’INPS. “Come condiviso con il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali – si legge nella circolare dell’Istituto -, in considerazione della tempistica di definizione e pubblicazione del citato decreto interministeriale, la presentazione della domanda di esonero – il cui termine è stato stabilito alla data del 31 luglio 2021 dagli articoli 2, comma 5, e 4, comma 1, del medesimo decreto – dovrà avvenire a pena di decadenza entro il giorno 30 settembre 2021, con le modalità che saranno indicate nella circolare di prossima pubblicazione”. Leggi il testo integrale del messaggio pubblicato dall’Istituto nazionale di previdenza sociale.

L’esonero – stabilito dall’ultima legge di Bilancio – spetta ai lavoratori che abbiano percepito nel periodo d’imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro e abbiano subito un calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell’anno 2019.