“Lo sforzo della nostra categoria è stato quello di valorizzare la connaturata funzione di rigenerazione e rivitalizzazione urbana che gli esercizi pubblici interpretano, ponendo una supplementare attenzione ai temi della legalità e della sicurezza minacciati dall’abusivismo dilagante e dal disordine esistenziale che la pandemia ha prodotto. In questa direzione va interpretato il nostro impegno nel contrasto alle ludopatie, grazie al serio lavoro della nostra associazione EGP (Esercenti del Gioco Pubblico) che rappresenta e promuove il gioco lecito per il quale una funzione regolatoria che assicuri la qualificazione dei punti gioco autorizzati è la sola garanzia di legalità e di tutela dei consumatori anche dalle dipendenze patologiche”. Lo ha detto il presidente FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), Lino Enrico Stoppani (nella foto), durante l’assemblea 2022 dal titolo “Oltre la crisi, i pubblici esercizi alla ricerca di modelli sostenibili”, attualmente in corso a Roma.

Articolo precedenteAtlas-IAC presenterà nuovi strumenti automatizzati e per il betting “no-risk” al SiGMA Europe di Malta
Articolo successivoModifiche a legge regionale giochi in Calabria, Sapar in audizione: “Ridurre elenco luoghi sensibili e inserire contingentamento offerta”