In queste ultime ore il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda) ha pronunciato ordinanza sul ricorso proposto da sei operatori terzi incaricati della raccolta con apparecchi da intrattenimento, rappresentati e difesi dagli avvocati Carlo Lepore, Gaetano Lepore, e Marco Ripamonti contro l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nei confronti di un concessionario delle slot per l’annullamento decreto dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli avente oggetto la ripartizione e la quantificazione della quota di prelievo dovuta e la modifica unilaterale dei contratti stipulati per la gestione della raccolta delle giocate.

In tutti e sei i casi il Tar ha sospeso il processo in attesa della pronuncia del Consiglio di Stato così come già nel dicembre scorso per alri operatori rappresentati dallo stesso team di legali.

Articolo precedenteGratta e Vinci regala 200mila euro a Nocera Umbra (PG)
Articolo successivoRoma, lotta al gioco d’azzardo: approvata mozione per intensificare controlli e sanzioni su slot e rispetto orari