Gli operatori illegali costano ai governi statali $ 13,3 miliardi in tasse perse

Secondo uno studio dell’American Gaming Association gli americani scommettono circa $ 511 miliardi ogni anno con scommesse sportive illegali e non regolamentate, siti Web di iGaming e sui cosiddetti “giochi di abilità”.

Questa attività illegale priva i governi statali di $ 13,3 miliardi di entrate fiscali all’anno, quasi $ 2,5 miliardi in più rispetto a quanto gli operatori legali hanno generato nel 2021 ($ 11,7 miliardi). Costa anche all’industria del gioco legale $ 44,2 miliardi di entrate annuali, pari a quasi la metà dei $ 92 miliardi di entrate commerciali e tribali combinate nel 2021.

“Il gioco d’azzardo illegale e non regolamentato è una piaga per la nostra società. Approfittando dei consumatori vulnerabili, aggirando gli obblighi normativi, questi operatori derubano le comunità di entrate fiscali da destinare per infrastrutture, istruzione e altro ancora”, ha dichiarato Bill Miller, Presidente e CEO di AGA. “Abbiamo sempre saputo che il mercato illegale e non regolamentato è espansivo, ma questo rapporto illumina quanto sia pervasivo”.

Scommesse sportive 

Il rapporto di AGA stima che gli americani scommettano $ 63,8 miliardi con bookmaker illegali e siti offshore al costo di $ 3,8 miliardi di entrate di gioco e $ 700 milioni di tasse statali. Con gli americani proiettati a piazzare $ 100 miliardi in scommesse sportive legali quest’anno, questi risultati implicano che gli operatori di scommesse sportive illegali stanno catturando quasi il 40% del mercato delle scommesse sportive degli Stati Uniti. Questi numeri sono significativi, dimostrano anche il movimento degli americani verso il mercato regolamentato con l’espansione delle scommesse sportive legali in 36 stati e nel Distretto di Columbia. Il rapporto ha anche rilevato che il 49% degli scommettitori sportivi dell’anno scorso ha piazzato una scommessa con un operatore illegale. Precedenti ricerche AGA mostrano che più della metà degli americani che scommettono su sport con operatori illegali credono di scommettere legalmente.

iGaming 

Gli americani giocano circa $ 337,9 miliardi con siti Web di iGaming illegali, con una perdita di $ 3,9 miliardi di entrate fiscali statali. Con $ 13,5 miliardi di entrate stimate, il mercato illegale dell’iGaming negli Stati Uniti è quasi tre volte più grande del mercato legale, stimato in $ 5 miliardi nel 2022. Con l’iGaming legale solo in sei stati, quasi la metà degli americani (48%) che hanno giocato a slot online o giochi da tavolo nell’ultimo anno hanno giocato con casinò online illegali.

“Skill Machine” non regolamentati 

Anche le macchine da gioco non regolamentate continuano a proliferare, con una stima di 580.651 macchine non regolamentate negli Stati Uniti. Sono 870.000 le macchine regolamentate nei casinò e nelle sale slot, ciò significa che il 40% di tutte le macchine da gioco negli Stati Uniti sono prive di licenza. Sulla base dei dati normativi statali per macchine simili, la percentuale di vincita dell’operatore sulle macchine da gioco non regolamentate è significativamente più alta rispetto alle slot machine del casinò legale. “Tutte le parti interessate – responsabili politici, forze dell’ordine, regolatori, imprese legali – devono lavorare insieme per sradicare il mercato del gioco d’azzardo illegale e non regolamentato. Questa è una lotta a lungo termine per proteggere i consumatori, sostenere le comunità e difendere i membri rispettosi della legge del nostro settore”.


Lo studio è stato condotto da The Innovation Group per conto dell’American Gaming Association e si basa in gran parte su un sondaggio di 5.284 adulti statunitensi, esaminando i loro comportamenti di gioco dell’anno passato con operatori legali e illegali, nonché le loro osservazioni di macchine da gioco non regolamentate. Incorpora anche dati disponibili pubblicamente sulle dimensioni del mercato legale del gioco d’azzardo statunitense e di alcuni mercati statali delle macchine da gioco.

Articolo precedenteGiochi, il 15 dicembre appuntamento con il direttivo AS.TRO
Articolo successivoManovra, tutto pronto per l’esame in parlamento