(Jamma) – La Fondazione Codere ha presentato l’annuario del gioco in Spagna 2015/2016, pubblicato in collaborazione con l’Università Carlos III di Madrid, attraverso il suo Istituto de Política y Gobernanza (IPOLGOB), diretto da José Antonio Gómez Yáñez, professore di sociologia presso quella istituzione accademica.

La quinta edizione di questa pubblicazione annuale, che sintetizza tutte le informazioni statistiche sui vari aspetti del settore dei giochi in Spagna, è stata presentata al Casinò Gran Vía di Madrid, rivelando i dati di un settore che, negli ultimi due anni, ha mostrato un importante recupero in merito agli effetti della grave crisi economica che ha colpito la Spagna.

L’annuario riflette il consolidamento del cambio di tendenza per il gioco terrestre, che ha raggiunto importi giocati simili a quelli registrati nel 2001, nel 2015 ha infatti raggiunto 25,533.6 milioni di euro, il 5,9% in più rispetto al 2014. Il gioco online mantiene la sua tendenza al rialzo per quanto riguarda gli importi giocati, per un totale di 8,562.8 milioni di euro, circa 2.000 milioni di euro in più rispetto all’anno precedente. Di tale importo, quasi la metà (4,180.1 milioni di euro) corrisponde a scommesse sportive online.

Commenta su Facebook