Dieci vittorie consecutive sull’erba con soli tre set persi. Matteo Berrettini continua a vivere un momento magico sull’erba di Londra e, dopo la vittoria al Queen’s, conquista anche la semifinale a Wimbledon, secondo italiano della storia 61 anni dopo Nicola Pietrangeli. Il romano, attualmente numero 9 del mondo, sogna non solo la finale, peraltro in programma domenica prossima, stesso giorno del match decisivo di Euro 2020 tra Italia e Inghilterra, ma punta al colpo grosso. Gli esperti di Sisal Matchpoint ritengono che, tra i quattro semifinalisti, solo Novak Djokovic abbia più chance di Berrettini di alzare il trofeo del Championships: il terzo titolo consecutivo del tennista serbo, sesto totale a Wimbledon, è dato quasi per certo vista la quota di 1,30. Ma l’azzurro ha mostrato di essere a suo agio sull’erba come dimostrano non solo le dieci vittorie consecutive sulla superficie ma anche i due tornei vinti, Queen’s 2021 e Stoccarda 2019: il terzo trionfo, il più prestigioso, sull’erba si gioca a 6,50. Difficile l’impresa per gli altri due tennisti, entrambi esordienti alle semifinali di uno Slam: il successo di Hubert Hurkacz è in quota a 12 mentre la vittoria di Denis Shapovalov pagherebbe 16 volte la posta.

Proprio il tennista polacco, che ha strapazzato Roger Federer nei quarti di finale, sarà l’avversario di Matteo Berrettini domani in semifinale. C’è solo un precedente tra i due, sul cemento di Miami nel 2019 con il successo dell’azzurro in due set ed è sempre lui, secondo gli esperti di Sisal Matchpoint, il favorito per la sfida di domani a 1,37 contro il 3,10 di Hurkacz. Se si esclude la maratona con Medvedev, il tennista polacco ha sempre vinto in tre set e un altro 3-0 domani è in quota a 9,25 mentre per lo stesso risultato ma in favore di Berrettini la quota cala drasticamente a 3,10.

Sisal ricorda sempre che il gioco è vietato ai minori e che bisogna giocare sempre con consapevolezza e moderazione.