ippodromo snai
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Con la recente classificazione degli ippodromi, adottata in base a parametri non oggettivi e non condivisi, – scrive Attilio D’Alessio del Coordinamento Ippodromi, al Ministro Martina, al Sottosegretario Castiglione, al Capo Dipartimento Bianchi e al Direttore Abate, Ministero politiche Agricole,  – stiamo assistendo: alla chiusura di 11 ippodromi, alla scomparsa dell’ippica dalla Sardegna ed alla suddivisione in fasce degli ippodromi ancora attivi.

A tutto questo si aggiunge che alla data odierna nemmeno conosciamo: il finanziamento che verrà assegnato agli ippodromi; il calendario delle corse ed il monte premi dell’anno in corso; la distribuzione dei Grandi Premi.

A quanto sopra si aggiunge il fatto che da mesi attendiamo una convocazione per poter capire come il Ministero intenda muoversi su queste questioni molto delicate ed importanti.

Per quanto sopra SI INVITA le SS.LL. a riflettere sulla gravità della situazione sopra descritta ed a convocare con urgenza una riunione dove poter discutere e conoscere come il Ministero intenda dare attuazione alla Classificazione degli ippodromi, ex Decreto ministeriale del 31 gennaio u.s., e quali provvedimenti intenda assumere per salvaguardare il grande patrimonio sociale e sportivo che rappresenta l’ippica nel nostro Paese”.

Commenta su Facebook