Il settore dei giochi del paese ha bisogno di più di 700 altri lavoratori. E’ quanto sostiene il segretario parlamentare per la Digital Economy Silvio Schembri a Malta nell’ambito di SiGMA, importante evento dedicato all’industria del gaming.

Schembri ha dichiarato: “Abbiamo continuato ad attrarre le imprese nel nostro paese e in questo momento stimiamo ci siano almeno 700 posizioni ancora aperte”. Il segretario ha spiegato che, al fine di affrontare questo problema, le imprese stanno suggerendo quanto sia importante investire sulla formazione.

Schembri ha sottolineto il successo del settore e non a caso ha sostenuto che una forte infrastruttura IT a Malta, con un regolatore forte e rispettabile, ha continuato ad attrarre più imprese nel paese.

Ha anche fatto riferimento alla legge sul gioco che il governo ha introdotto l’anno scorso e ha ricordato come lo scorso anno siano state effettuate 33 ispezioni dalla FIAU (Financial Intelligence Analysis Unit) contro il riciclaggio. Aggiungendo che altre 40 ispezioni dovrebbero essere completate entro luglio.

Il segretario ha detto che il governo è disponibile a confrontarsi con tutte le parti interessate e continuerà ad accogliere a braccia aperte nuove idee nel settore.