La Gaming Authority olandese (Ksa) ha pubblicato un rapporto contenente i risultati di un sondaggio condotto nel 2019 tra gli abitanti di età compresa tra 16 e 30 anni.

Lo scopo del Ksa era quello di comprendere se e come i minori e i giovani adulti partecipano ai giochi d’azzardo. I risultati sono il frutto di una comparazione di dati da interviste a giovani di età compresa tra i 16-17 anni , di giovani adulti (18-23 anni) e adulti (24-30 anni). Anche i risultati dell’indagine sono stati confrontati con i risultati di un’indagine del 2016 sulla popolazione (più ampia). Impedire ai giovani di partecipare ai giochi d’azzardo è una priorità del Ksa. 

Il numero di minori che, nonostante l’età obbligatoria di 18 anni, a volte partecipa ai giochi d’azzardo sembra abbastanza stabile. Le cifre per il 2019 mostrano quanto segue: l’11 percento dei giovani di 16-17 anni afferma di aver partecipato alle lotterie gratta e vinci nell’ultimo anno, l’8 percento dei giovani “ogni tanto” ha giocato alle macchine da gioco e il 5%” occasionalmente “ha partecipato a scommesse sportive”. 

Una conclusione importante è che la partecipazione a giochi che possono essere giocati a partire dal diciottesimo anno (gratta e vinci, slot machine e scommesse sportive) aumenta significativamente una volta raggiunta l’età di 18 anni. Le persone di età superiore ai 18 anni partecipano ai giochi molto più spesso rispetto ai minori. Per i giochi per i quali non è richiesta l’età di 18 anni (giochi social e giochi da casinò social), dall’età di 18 anni non si osserva questo aumento. Da ciò si può concludere che la gestione e l’applicazione di un limite di età funziona. 

Il report si interroga sui casi di fallimento del controllo dell’età. Questo può avere varie cause. Nel caso dei gratta e vinci, può darsi che un minore acquisti un biglietto con qualcuno di età superiore ai 18 anni. Nel caso delle scommesse sportive, è possibile che l’età non sia (correttamente) verificata durante la partecipazione. E quando si gioca su macchine da gioco, una possibile spiegazione è che l’imprenditore della ristorazione o il proprietario del gioco non sorvegli adeguatamente.

Negli ultimi anni il Ksa ha puntato molto al rispetto dei limiti di età.  Sono stati condotti studi anche sul crescente mix di giochi e giochi d’azzardo. Da dicembre 2018, sono state controllate più di settanta località di ristorazione per controllare i giochi dei minori su macchine da gioco. Questi controlli sono ancora in corso.