Destinare il 5 per cento del gettito erariale derivante dalla raccolta del settore giochi alla prevenzione, cura e riabilitazione delle patologie legate alla dipendenza da gioco d’azzardo.

E’ quanto prevede un emendamento a firma dei deputati di Fratelli d’Italia Bellucci, Prisco, Trancassini, Lucaselli, Montaruli e Rampelli presentato al decreto Milleproroghe.

Di seguito il testo integrale:

Dopo il comma 6, aggiungere il seguente:

<<6-bis. All’articolo 1, comma 133, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, sono apportate le seguenti modificazioni, dopo il secondo periodo, aggiungere il seguente: <<A decorrere dal 2022, una quota pari al 5 per cento del gettito erariale derivante del settore dei giochi è annualmente destinata alla prevenzione, alla cura e alla riabilitazione delle patologie connesse alla dipendenza da gioco d’azzardo>>.

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli nell’ultimo Libro Blu indica che nel 2020 le entrate erariali dal settore giochi, che costituiscono l’ammontare totale dell’imposizione fiscale e del differenziale residuale tra raccolta, aggi e vincite che entrano nelle casse pubbliche, sono state pari a 7,24 miliardi di euro. Il risultato del 2020 è diminuito del 36,27% rispetto al 2019.

Articolo precedenteGreen pass in tabaccheria, Squeri (FI): “Scelta da rivedere”
Articolo successivoPalermo. Scommesse non autorizzate: sanzionato il titolare per un importo di 50mila euro