“La manovra finanziaria non prevede alcuna misura concreta per sostenere la lotta al gioco d’azzardo, una delle piaghe peggiori che affligge il nostro Paese. Nessun sostegno per le campagne di sensibilizzazione; nessun finanziamento per i centri ascolto e per rafforzare il sostegno ai nostri concittadini vittime di azzardo-patia; nessuna misura per ridurre l’offerta di gioco e, tantomeno, per la riduzione dei mini casinò e delle videolottery; nessun provvedimento per il gioco d’azzardo on line. Al contrario questo Governo, in continuità con quelli precedenti, continua a sostenere le multinazionali del gioco continuando a consentire ai concessionari ,quasi sempre multinazionali estere ,di trasformare i nulla osta degli apparecchi di proprietà dei gestori collegate alla loro rete ,in diritti dei concessionari . In tal modo l’intero comparto del gioco viene affidato nelle mani di pochi che, per di più, non pagano tasse in Italia. L’intrattenimento lascia il passo all’azzardo e 4mila aziende che danno lavoro a migliaia di persone nel settore del divertimento rischiano seriamente di chiudere i battenti. Oltre al danno di vedere moltiplicate le sale da gioco si perdono anche ulteriori posti di lavoro. Una scelta pilatesca che non è assolutamente accettabile e per la quale siamo pronti a dare battaglia”.

Lo ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan.

Commenta su Facebook