“Contenti della decisione del Tar Toscana che conferma la legittimità delle azioni del Comune di Firenze per combattere la ludopatia. Non ne dubitavamo. Con convinzione lavoriamo per tutelare soggetti fragili, più esposti a questa emergenza sociale”. Lo scrive su Twitter il sindaco di Firenze Dario Nardella commentando la decisione del Tar della Toscana, che ha respinto i ricorsi di gestori di slot e tabaccai contro l’ordinanza del Comune.

Il provvedimento voluto dal sindaco prevede che le sale chiudano alle 18 tutti i giorni, mentre le slot debbano essere completamente spente dalle 13 alle 19 negli altri esercizi autorizzati come bar, ristoranti, alberghi, rivendite di tabacchi, esercizi commerciali, agenzie di scommesse, sale bingo. In caso di violazione sono previste sanzioni e sospensione dell’attività in caso di recidiva.

Commenta su Facebook