Il Consiglio regionale della Campania si appresta a discutere un Testo unificato in materia di prevenzione e cura del disturbo da gioco d’azzardo. Il Comune di Napoli chiede di essere ascoltato in audizione.

L’articolato è attualmente all’esame della V^ Commissione permanente “Sanità e Sicurezza sociale”.

E’ importante che la Regione Campania, al pari di altre Regioni, intervenga disciplinando un tema di grandissimo rilievo sanitario, sociale ed economico.

Il Comune di Napoli ha chiesto formalmente al Presidente della Commissione di essere audito sul testo all’esame della stessa per contribuire all’elaborazione sulla base della ”grande esperienza maturata dal Comune di Napoli che è in campo dal 2013 con il Regolamento più avanzato in Italia, confermato da decine di sentenze del Tar e del Consiglio di Stato”, fa sapere il Comune.

In particolare, oltre a fornire osservazioni su alcuni punti dell’articolato, il Comune ritiene indispensabile chiedere alla Commissione che si precisi che i limiti orari per l’attività di gioco e le distanze dei luoghi di gioco rispetto dai luoghi sensibili (es.: scuole) da rispettare, previste nella proposta di legge regionale, debbano intendersi come limiti massimi salvaguardando così le decisioni già assunte in materia dagli Enti locali”.