Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Una lettera a Matteo Renzi in cui si protesta contro le ipotesi di revisione delle norme riguardanti il gioco d’azzardo.

L’ha scritta l’assessore lombardo al Territorio, Viviana Beccalossi. Nella missiva, condivisa da tutti i sindaci delle citta’ capoluogo, compresi i democratici Giuseppe Sala, Giorgio Gori ed Emilio Del Bono, “si esprime – spiega Beccalossi, in una nota – la preoccupazione causata dall’orientamento che il governo sembra voler prendere in tema di contrasto al gioco d’azzardo patologico”.

“Carissimo presidente, il tema della ludopatia e del contrasto al gioco d’azzardo patologico – si legge nell’attacco della missiva – e’ ormai da oltre tra anni al centro dell’azione di governo di Regione Lombardia e di moltissimi Comuni lombardi.

Un’azione forte e condivisa che nasce dalla consapevolezza di come questa dipendenza sia una grave piaga sociale da contrastare sia in termini di prevenzione, che di cura e repressione”. “Se da una parte appare lodevole il suo intento di eliminare, per esempio, le slot machine da bar e tabaccherie – si prosegue -, dall’altra non possiamo sottacere che nelle ‘carte’ del governo, che riguardano la revisione delle norme riguardanti il gioco d’azzardo, e’ previsto l’incremento di macchinette mangia soldi in altre tipologie di esercizi commerciali.

Cosi’ come, sempre a titolo esemplificativo, e’ altrettanto chiaro che verrebbe a cadere ogni barriera sulla limitazione degli orari in cui e’ possibile giocare e ogni tipo di divieto riguardante le distanze minime tra il punto in cui verrebbe installata una slot machine e i cosiddetti luoghi sensibili (scuole, oratori, centri per anziani, ospedali).

Commenta su Facebook