Il consigliere di minoranza Selvino Beccari chiede al sindaco di Gavirate (VA), Silvana Alberio di fare luce sul gioco d’azzardo sul territorio.

«Se la Giunta del Comune di Gavirate intende mappare o abbia mappato i luoghi, i locali i siti dove sono installati dispostivi meccanici e/o elettronici, dove sono in vendita biglietti o tagliandi per concorrere a lotterie istantanee e non, atti a configurare la fattispecie di strumenti idonei a consentire l’accesso al gioco d’azzardo; se sono previste o se sono state effettuate verifiche anche a campione (indicandone nel caso il numero) da parte delle polizia locale o altra autorità a ciò deputata affinché non sia consentito l’accesso e l’uso di detti strumenti da parte dei minori; se l’Amministrazione intende farsi carico di intraprendere un’opera di sensibilizzazione volta a contrastare il gioco d’azzardo ed eventualmente con quali strumenti e modalità; se ritiene di operare scelte di defiscalizzazione, anche parziale, nei confronti di locali pubblici che dovessero rinunciare all’installazione o rimuovessero detti dispositivi di giuoco per compensare in tal modo il mancato guadagno dei gestori dei locali; se l’Amministrazione ha assunto, eventualmente con altri Comuni, o comunque ritiene di dover assumere iniziative finalizzate alla prevenzione ed al contrasto di forme di dipendenza dal gioco d’ azzardo patologico nonché al trattamento ed al recupero delle persone che ne sono affette e al supporto delle loro famiglie così come previsto fin dalla Legge regionale della Lombardia n.8 del 21 ottobre 2013 e dalla successiva ricca produzione legislativa regionale; se l’ amministrazione ha ritenuto di assumere le iniziative e comunque come ha ritenuto di avvalersi della specifica e copiosa normativa regionale in materia e delle risorse messe a disposizione».

«Nel caso che non siano mai state assunte iniziative al riguardo si chiede di conoscerne le ragioni» conclude il capogruppo di Viva Gavirate.