Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) In questi giorni diversi media stanno analizzando i programmi dei partiti confrontandone il grado di copertura e di attuabilità sui temi importanti come il lavoro, il fisco e le pensioni. 

La coalizione di centro-destra ha infatti già diffuso il programma, il Pd e Liberi e Uguali stanno facendo in queste ore, M5S lo ha già depositato ma per ora lo ha reso noto in «pillole».

In questo contesto sarebbe interessante conoscere qual è la posizione in merito al gioco pubblico per valutarne l’attuabilità e soprattutto per essere sicuri, ammesso che mantengano le promesse, di aver votato nel miglior modo possibile. Il movimento Cinque Stelle per esempio ha più volte dichiarato, attraverso il candidato Di Maio, di voler finanziare il reddito di cittadinanza attraverso la tassazione sul gioco d’azzardo. Considerando però che una proposta lanciata diversi mesi fa dal Movimento prevede la messa al bando di slot e terminali Vlt (che da soli versano di imposte oltre 9 miliardi di euro l’anno) ci chiediamo quali attività intendano tassare.

Fino ad ora abbiamo letto solo di intenzioni espresse da singoli candidati. Lanciamo quindi una campagna per una maggiore trasparenza su una quesione oggi di vitale importanza per molte aziende del comparto.

Commenta su Facebook