Il governo ha deciso di accelerare la decisione di rendere il green pass obbligatorio, spinto anche dalle preoccupazioni espresse dagli scienziati del Cts: “Bisogna agire subito”.Tutto questo alla luce dell’incremento dei contagi da Coronavirus.

La cabina di regia del governo che si riunirà entro mercoledì -scrive oggi  il Corriere – servirà a stilare la lista dei luoghi dove il green pass diventerà obbligatorio. E sembra ormai scontato che oltre a stadi, palestre, eventi, concerti, luoghi dello spettacolo, treni, aerei e navi, l’elenco includerà anche le discoteche con capienza al 50% e i ristoranti al chiuso. Il Cts ha ribadito l’indicazione del 2 luglio: «La certificazione verde va rilasciata solo dopo il quattordicesimo giorno dal completamento del ciclo vaccinale, un test diagnostico o la guarigione infrasemestrale».

Secondo il Corriere della Sera, non è escluso che il provvedimento del governo possa entrare in vigore già il 26 luglio. L’obiettivo è quello di mantenere tutta Italia in zona bianca almeno fino a Ferragosto ed evitare la chiusura delle attività economiche