La Federazione Italiana dei Tabaccai fa sapere che il premier Conte, riconoscendo il ruolo sociale della categoria, ha incluso tra le attività aperte anche le tabaccherie. I tabaccai, quindi,  aprono regolarmente.

Considerate le ultime disposizioni fornite dal Governo ed i chiarimenti richiesti da FIT all’ADM, vengono fornite delucidazioni.

BAR-Tabacchi

I BAR-Tabacchi possono restare aperti a condizione che vi sia una inequivocabile chiusura dell’attività di bar (tramite affissione di cartelli e avvisi, apposizione di nastri o separazioni, rimozione della merce o utilizzo di teli coprenti, ecc.).

Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Tale disposizione vale su tutto il territorio nazionale fatte salve le eventuali ordinanze più restrittive che dovessero intervenire anche a livello locale. Resta inteso che, anche in tale ipotesi, sarà ammessa la vendita mediante distributore automatico.

Chiusura della tabaccheria

Sono state individuate 3 casistiche:

  1. Chiusura della tabaccheria in presenza di provvedimento di quarantena a carico del titolare: il diretto interessato dovrà comunicare all’Ufficio ADM la chiusura della tabaccheria allegando copia del provvedimento di quarantena. Non c’è bisogno di autorizzazione di ADM e la chiusura non è computata come ferie.
  1. Chiusura della tabaccheria per impossibilità comprovata: il tabaccaio anziano o affetto da patologie croniche ovvero con stato di ridotte difese immunitarie o con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre che non può farsi sostituire dal coadiutore, o nell’impossibilità, debitamente comprovata, di garantire in tabaccheria la distanza minima di 1 metro tra i clienti, dovrà produrre istanza all’Ufficio ADM competente, fornendo una certificazione di quanto dichiarato per sé e per il coadiutore. La richiesta si intende immediatamente autorizzata da ADM, salvo diniego che dovrà pervenire entro due giorni. La chiusura non è computata come ferie.
  2. Chiusura della rivendita in tutti i casi diversi dai punti 1) e 2): in assenza di ragioni oggettive meritevoli di specifica valutazione, il titolare che intenda chiudere la tabaccheria dovrà inoltrare istanza di ferie secondo la prassi ordinaria. Considerate le difficoltà oggettive dovute all’emergenza, l’obbligo di acquisire il parere preventivo del Comune si ritiene automaticamente assolto attraverso l’invio contestuale dell’istanza ad ADM e Comune.

Monitor 10eLotto

I monitor del 10eLotto dovranno essere spenti solo qualora le caratteristiche del locale non consentano il rispetto della distanza interpersonale di un metro tra i clienti.

Devono obbligatoriamente essere adottare misure atte a garantire almeno un metro di distanza tra i clienti