“Insensato e irragionevole equiparare divertimenti come i biliardini, i flipper o il ping-pong alle slot-machine o il videopoker. Quanto emerso in questi giorni, tra autorizzazioni e imposte di cui i locali pubblici dovrebbero farsi carico per il possesso di questi giochi, è assolutamente folle. Folle perché non possiamo accettare l’idea che questi giochi della nostra cultura e tradizione siano confusi con gli apparecchi che emulano il gioco d’azzardo ed erogano vincite. Altrettanto inaccettabile è imporre una multa salatissima a quegli esercenti che non adempiono a queste regole sconsiderate”. Lo dichiara Ubaldo Pagano, Capogruppo del Partito Democratico in Commissione Bilancio alla Camera.

“Assumeremo immediatamente iniziative per scongiurare questa sciocchezza, che avrebbe il solo effetto di portare stabilimenti e locali a ritirare questi giochi e privare così le persone, a partire dai più piccoli, di bei momenti di divertimento tipicamente estivo, come ricorda ogni generazione di italiani”, conclude Pagano.