A che punto è l’applicazione della delibera regionale sul gioco d’azzardo che introduce limiti e divieti alle sale scommesse e alla nuova installazione di apparecchi?

E’ quanto chiede in una lettera aperta indirizzata al sindaco il presidente provinciale dell’Acli di Piacenza, Roberto Agosti, che ricorda all’amministrazione comunale come la Regione Emilia Romagna abbia chiesto ai comuni di adeguarsi nell’arco di sei mesi dall’avvio delle nuove norme.

“(…) Per porre qualche limite alla diffusione di tale patologia, come Lei ben saprà, la Giunta della Regione Emilia Romagna, con delibera n° 831 del 12 giugno 2017, che ha come oggetto “Modalità applicativo del divieto alle gioco e alle sale scommesse e alla nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito“, ha chiesto a tutti i Comuni della Regione, entro sei mesi dalla data di pubblicazione della delibera:

-di eseguire una mappatura dei seguenti locali;

-sale giochi e sale scommesse situate a meno di 500 metri dai luoghi sensibili;

-esercizi commerciali, di somministrazione di alimenti e bevande, aree aperte al pubblico, circoli privati ed associazioni, esercizi autorizzati ai sensi degli art. 86 e 88 che ospitano apparecchi per il gioco d’azzardo lecito di cui all’art. 110 comma 6 del TULPS, situati a meno di 500 metri dai luoghi sensibili;

-indicava cosa intendere per luoghi sensibili;

-definiva le modalità di misurazione delle distanze; Successivamente, dopo la mappatura, era compito delle amministrazioni dare applicazione alle successive indicazioni della delibera, che prevede, sulla base della mappatura:

1) di comunicare ai titolari delle sale gioco e sale scommesse ricadenti nel divieto di esercizio (locale situato a meno di 500 metri dai luoghi sensibili) l’adozione, nei successivi sei mesi, dei relativi provvedimenti di chiusura;

2) ai titolari degli altri esercizi con apparecchi per il gioco d’azzardo di cui all’art. 110 comma 6 del TULPS, ricadenti anch’essi nell’area situata a meno di 500 metri dai luoghi sensibili, il divieto di installazione di nuovi apparecchi e il divieto di rinnovo dei contratti di utilizzo alla loro scadenza;

3) al fine di consentire la progressiva delocalizzazione delle sale gioco e delle sale scommesse, agli esercenti che intendano proseguire la propria attività in zone non soggette a divieto di concedere una proroga fino ad un massimo di ulteriori sei mesi rispetto al termine per l’adozione del provvedimento di chiusura.

Egr. sig. Sindaco, i tempi sono scaduti e pertanto Le chiedo, a nome delle Acli provinciali di Piacenza, se ha provveduto a dare seguito a quanto deliberato nell’ordinanza regionale e qual’è la situazione attuale nel Suo Comune.

E’ evidente che questo è solo un primo passo, sicuramente insufficiente per una valida azione di contrasto al gioco d’azzardo, per cui Le chiedo anche se e quali altre misure intende adottare”.

Roberto Agosti (presidente provinciale Acli Piacenza)

Commenta su Facebook