consiglio di stato
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Anche il Consiglio di Stato conferma i limiti orari sull’apertura delle sale da gioco adottate dal Comune di Torino. Tutto parte da un ricorso intentato da una sala, e respinto con una sentenza di alcuni mesi fa. La sala adesso ha chiesto al Consiglio di Stato di sospendere la sentenza di primo grado, ma per i giudici di Palazzo Spada “Alla stregua di un giudizio di bilanciamento degli opposti interessi, prevalgono in sede cautelare le esigenze di tutela delle fasce più esposte alle cd. ludopatie”. E sottolineano quindi che questi interessi “peraltro, appaiono ragionevolmente e proporzionalmente tutelate dai provvedimenti” adottati dal Comune di Torino.

Commenta su Facebook