Niente più code per i grattaevinci in vendita bei chioschi dei bar-tabacchi francesi. Questo è previsto nel progetto di legge inviato al Consiglio di Stato la scorsa settimana. Secondo il progetto di tratta di “riformare la regolamentazione del gioco d’azzardo” attraverso l’istallazione di macchine per i bistrot francesi in grado di distribuire i giochi gratta e vinci prodotti dal FDJ. Distributori il cui numero dovrebbe tuttavia essere limitato per mantenere l’equilibrio delle attività tra i casinò, la PMU e il FDJ.

La nuova disposizione dovrebbe essere messa in atto dopo la privatizzazione della FDJ e messa nero su bianco per la prima volta in una legge la possibilità per  FDJ di sviluppare slot machine o scommesse sportive tramite distributori. È questa disposizione che dà luogo a una feroce battaglia tra gli operatori di giochi online e i casinò francesi. Questi ultimi temono che i giochi grattaevinci saranno direttamente in concorrenza con le loro slot machine che rappresentano il 90% del loro fatturato. Di fronte a queste preoccupazioni, il Ministero dell’Economia ha annunciato che limiterebbe con un decreto il numero di sale che la FDJ potrà aprire in futuro.

La FDJ fa sapere intanto di non voler competere con le sale da gioco o la PMU. Un portavoce ha detto che “la FDJ non ha in programma di sviluppare scommesse sportive per eventi o punti vendita di giochi da casinò”. Inoltre, questo progetto preoccupa le associazioni che si occupano di gioco patologico. La moltiplicazione dei giocatori, violazione dell’ordine pubblico, sono queste le questioni di cui si dovrà occupare il governo. E’ stato già previsto,per il ministro del bilancio, di chiudere, sospendere o vietare in qualsiasi momento lo sfruttamento di un gioco “per motivi legati alla salvaguardia dell’ordine pubblico e ordine sociale “.

Per meglio regolamentare questa nuova forma di gioco d’azzardo, secondo indiscrezioni,  l’Autorità di regolamentazione dei giochi online (Arjel) sarà trasformata in una “National Games Authority” (ANF), responsabile delle operazioni di approvazione e monitoraggio del gioco d’azzardo e gioco d’azzardo online. La privatizzazione del FDJ intanto è prevista a novembre, pochi mesi dopo l’ordine del governo, che dovrebbe essere promulgato questa estate o all’inizio dell’autunno.