Adolescenti e minori in generale sempre meno esposti alla pubblicità del gioco d’azzardo. Lo certifica l’ultimo rapporto della Advertising Standards Authority (ASA), il regolatore indipendente della pubblicità del Regno Unito su tutti i media.

Il numero di annunci di gioco d’azzardo visti dai bambini in TV è sceso a 3,2 alla settimana nel 2018, rispetto al picco di 4,4 registrato nel 2013, pari al 2,2% di tutti gli annunci TV che i bambini hanno visto l’anno scorso.

La maggior parte degli annunci di giochi d’azzardo visti dai bambini in TV dal 2011 sono per il bingo, lotterie e gratta e vinci. L’esposizione dei bambini agli annunci di gioco d’azzardo, rispetto agli adulti, è diminuita di anno in anno dal 38,6% nel 2008 al 20,4% nel 2018. I bambini hanno visto in media un annuncio di gioco in TV ogni cinque visto dagli adulti nel 2018.

Le norme pubblicitarie limitano l’esposizione dei minori attraverso il divieto di pubblicità di giochi d’azzardo all’interno dei programmi per bambini o programmi di particolare interesse per i minori di 18 anni. Le regole di programmazione per la pubblicità del gioco d’azzardo non sono cambiate nel corso degli anni considerati nel rapporto, quindi altri fattori, principalmente le abitudini rispetto alla fruizione dei media (i bambini guardano meno la TV), hanno contribuito alla riduzione dell’esposizione dei bambini a queste pubblicità.