‘Noi abbiamo cercato di introdurre sistemi che tutelino le fasce più deboli, i giovani, i pensionati. Abbiamo introdotto misure di dissuasione dal gioco, come le distanze minime dai luoghi sensibili. Mettiamo le distanze dai bancomat e nelle case da gioco si può pagare con le carte di credito’, è quanto osserva in Consiglio Regionale delle Marche la consigliera di FdI Elena Leonardi. ‘La Regione deve avere la forza di portare avanti questa legge, dare strumenti ai Comuni per limitare il gioco, secondo quelle che sono le lore esigenze. Dobbiamo essere consapevoli del fatto che una norma come quella che abbiamo introdtto può avere effetti sulle diverse realtà. Credo che il Consiglio regionale debba continuare a contrastare la diffusione del gioco, anche se di fatto la nostra norma è in evidente contrasto con la legislazione nazionale’.