L’epidemia Coronavirus e le misure del governo italiano previste per gli esercizi di giochi e scommesse si fa sentire anche al NASDAQ. Nota del Gruppo Newgioco

Il gruppo Newgioco, quotato al NASDAQ e operativo sul mercato dei giochi e scommesse  comunica di essere stato costretto a chiudere circa 150 dei suoi negozi di scommesse in tutta Italia a seguito dello scoppio del micidiale coronavirus.

Il  governo italiano ha imposto una serie di restrizioni di viaggio agli italiani ordinari oltre a porre limiti agli attraversamenti transfrontalieri, che potrebbero trascinare i risultati operativi di Newgioco e ostacolare la sua capacità di soddisfare itermini di deposito. Inoltre, numerosi eventi sportivi professionali in Italia e altrove sono stati posticipati o annullati, il che potrebbe ridurre la gestione e le entrate delle scommesse sportive.

“Stiamo monitorando attentamente le circostanze attive e l’impatto di COVID-19 sulla domanda e sul business dei nostri prodotti”, ha dichiarato il CEO Michele Ciavarella in una nota.

“Sebbene siamo stati direttamente interessati dalle direttive del governo di chiudere tutte le sedi di raccolta pubblica non essenziali, che includono tutti i negozi di scommesse e le sale da bingo in tutta Italia, la società ha recentemente adottato misure significative per espandere la nostra distribuzione globale in oltre tredici paesi”.

Ciavarella sottolinea che Newgioco sta ancora procedendo secondo i piani con i suoi investimenti come lo sviluppo della sua piattaforma di scommesse negli Stati Uniti. Ulteriori aggiornamenti finanziari, così come gli utili e la pubblicazione del flusso di cassa dalle operazioni, saranno resi disponibili durante il secondo trimestre fiscale di quest’anno.