“E’ innegabile che la pandemia ha dato una mano al poker online. I numeri sono cresciuti in maniera esponenziale da aprile-maggio 2020 e ora stanno tornando alla normalità. Comunque anche il resto del mercato si è ingrandito notevolmente, basti guardare i numeri del casinò. Abbiamo fatto 11 milioni di ggr a giugno 2021 e anche guardando a luglio 2021 come iPoker stiamo facendo meglio di quanto fatto nel 2020 e siamo soddisfatti. Abbiamo aumentato la liquidità sui tavoli twister, anche i tornei sono aumentati in maniera esponenziale. Il tutto credo sia dovuto a un aumento della digitalizzazione dovuto al Covid. Aspetto che comunque vale in tutti i settori. Non torneremo sicuramente ai livelli di aprile-maggio 2020, comunque per rimanere ai livelli di oggi serve dare sempre un occhio ai giocatori occasionali ed è quello che stiamo cercando di fare. Ora con la fine del lockdown si sta iniziando a puntare molto anche sul live, presto si cercherà di fare qualcosa, la collaborazione tra live e online è importante, serve sempre anche uno sbocco in questo campo”.

Lo ha detto Carlo Cavaliere (nella foto), Head of Networks and Marketing Italy di Playtech e Head of Poker, Casino’ & Bingo – .EU iPoker Director, al panel “Poker (a) live in Italy” nell’ambito di SBC Digital Italy.

“I giocatori occasionali sono il fulcro di tutto, riuscire ad acquisire nuovi giocatori e farli appassionare è fondamentale. C’è sempre da migliorare, lo stiamo facendo da 62 mesi di fila. Anche il lavoro sulle chat è importante, penso alle emoji animate ad esempio. Ci sono tante piccole cose da fare, questa è la nostra missione. Ovviamente il mobile sta diventando la presenza dominante su tutti i prodotti, oltre il 50% dei giocatori di iPoker si registra e gioca da mobile. Per ora il lavoro sta pagando, in tutti i mercati stiamo facendo bene. Siamo i terzi operatori più grossi in Francia, la situazione è rosea. Stiamo cercando di continuare a spingere, vogliamo arrivare in vetta passo passo”.

Infine: “Il giocatore normale non capisce bene se è su un sito AAMS oppure no, e questo può creare problemi, a volte non si ricevono i pagamenti delle vincite. E’ importante giocare sui siti autorizzati. Il poker è un gioco di abilità e fortuna. Nel 2022 mi immagino un poker vivissimo, mi auguro anche un 2022 più forte del 2021, che è stato già importantissimo. Voglio essere positivo, punto a un 2022 con iPoker che si attacca a PokerStars come quote di mercato. Soprattutto spero in un 2022 senza Covid”.