La Questura di Barletta-Andria-Trani, a fronte del registrato aumento dei contagi da Covid-19, nel corso dell’ultima settimana ha effettuato capillari servizi straordinari di controllo del territorio in ogni area cittadina, finalizzati a garantire il rispetto, da parte dell’intera collettività, delle consuete misure finalizzate a scongiurare il proliferare dell’epidemia sull’intero territorio nazionale.

Ad Andria l’attività operativa si è focalizzata sulle principali aree commerciali della città, prediligendo attività a maggior rischio assembramento quali: bar, ristoranti, sale slot e VLT.
Proprio all’interno di una nota sala slot, in orario notturno, veniva registrata la presenza di tre avventori che, in totale spregio delle regole ed incuranti del grave rischio di nuovi contagi, non indossavano alcun dispositivo di protezione individuale, né rispettavano alcuna distanza di sicurezza. Uno di questi risultava essere sottoposto al regime di sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con la prescrizione di permanere presso il proprio luogo di residenza tra le ore 22.00 e le ore 06.00. Il preposto alla sala slot, inoltre, risultava gravato da precedenti penali.

Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico – Sezione Volanti – procedevano, quindi, ad elevare tre verbali di sanzione amministrativa pecuniaria per il mancato utilizzo della mascherina protettiva agli avventori ed a denunciare a piede libero il sorvegliato speciale per violazione degli obblighi. La posizione dell’addetto alla sala slot sarà, invece, sottoposta al vaglio del locale Ufficio Polizia Amministrativa e di Sicurezza.