Solo nel 2018 sono state elevate 160 contravvenzioni ai locali che non rispettavano la normativa in materia di slot machine. Una guerra fatta di 3 o 4 controlli al giorno nei locali con slot machine e un regolamento più severo con sanzioni triplicate.

La task force si è articolata in tre fasi: la prima, informativa, durante la quale è stata consegnata la brochure informativa di Regione Lombardia riguardo gli obblighi dei gestori di sale slot; la seconda di controllo in tutti i locali dotati di slot machine e una terza prettamente sanzionatoria. I risultati sono arrivati: una riduzione del numero delle slot del 32.6% dalle 642 del 2013 alle 457 del 2017.

Codacons: “La task force realizzata a Pavia dimostra come in presenza di una chiara volontà la lotta alle ludopatie produca risultati effettivi. Ma l’aspetto sanzionatorio, benché fondamentale, non basta: occorre una attenta opera di prevenzione con apposite campagne informative presso tutti i ceti della popolazione per disincentivare l’uso delle slot e di tutte le forme di azzardo. Oggi lettera al Comune di Pavia in tal senso”.