Un uomo di Nocera Inferiore (SA) dovrà versare un maxi risarcimento – con contestuale pena sospesa – ad una agenzia di scommesse per conto della quale esercitava attività di servizio di ricevitoria. Secondo quanto riporta ‘Il Mattino‘ la Corte d’Appello di Salerno ha respinto il ricorso dell’impiegato dell’agenzia, accusato di appropriazione indebita: avrebbe infatti sottratto 85mila euro appartenenti all’azienda. Anche la Corte di Cassazione ha bocciato il ricorso presentato dall’uomo, rendendo definitiva la condanna.