kessler
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Un aspetto rilevante della riorganizzazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che dovrebbe essere definita da qui a pochi giorni risulta essere la necessità di aggiornare lo statuto con quelle attività finalizzate a garantire la regolarità dei giochi e il mercato dei tabacchi attraverso un attento e programmato presidio del territorio, cosa che ad oggi ancora non era avvenuta.

Questo quanto dichiarato dal direttore generale dell’Agenzia Giovanni Kessler nel corso dell’incontro con le organizzazioni sindacali.

Il Direttore Kessler ha tenuto a precisare che la modifica allo statuto si rende necessaria innanzitutto per una più puntuale definizione della mission aziendale dell’Agenzia in considerazione dell’intenzione di non limitarne l’attività alla consueta e storica funzione di raccolta dei diritti doganali quanto piuttosto di dare maggiore impulso e visibilità a quelle attività volte a garantire la salute e la sicurezza dei cittadini attraverso un qualificato e mirato controllo degli scambi commerciali.

La nuova struttura organizzativa pensata per far fronte alle nuove esigenze si presenterà più snella della precedente con la previsione di 4 uffici di staff del direttore e 9 direzioni organizzate per funzioni.

Le direzioni regionali saranno assegnate a dirigenti di I o II fascia a seconda della rilevanza territoriale. Quelle di prima fascia saranno organizzate con 5 uffici (Ufficio antifrode, Ufficio procedure dogane e accise, Ufficio procedure tabacchi e giochi, Ufficio legale) mentre le direzioni regionali di seconda fascia saranno organizzate al proprio interno in due uffici (Ufficio risorse e Ufficio procedure e controlli).

Il nuovo assetto organizzativo permetterà un taglio di circa 40 -50 posizioni dirigenziali e la conseguente creazione, con le risorse risparmiate, di circa 180 -200 posizioni organizzative di alta professionalità e responsabilità (POER), da remunerare con circa 1300 euro netti mensili.

Di seguito lo schema della prossima riorganizzazione :

 

 

 

 

 

Commenta su Facebook