Clarion Gaming, organizzatrice dell’ICE Expo di Londra a partire da martedì 4 febbraio, ha bandito un giornalista britannico che lavora per il Guardian. Si tratta di Rob Davies, che ha fatto domanda per un “Press Pass” per partecipare alla settimana ICE, ma non gli è stato concesso. Secondo i più maliziosi il motivo sarebbe da ricercarsi in alcune dure critiche scritte contro l’evento in passato. Per Clarion invece la settimana ICE è da considerarsi solo per i giornalisti B2B e non per la stampa nazionale. Ovviamente non sono mancate le polemiche.

A Davies è stato già concesso un Press Pass in passato e nel 2018 scrisse contro alcuni espositori che utilizzavano personale promozionale (principalmente personale femminile) in modo – a suo dire – apertamente sessista.

Il punto è che trattandosi di un evento di settore questo è effettivamente riservato agli operatori e spesso sia loro che l’evento stesso vengono strumentalizzati per attaccare il comparto nella consapevolezza che questo avrà un certo appeal sul pubblico.

Anche in italia, in molti casi, le fiere di settore sono servite come spunto per rilanciare attacchi contro l’offerta di gioco legale. Fatto salvo il diritto di cronaca, non ci sentiamo quindi di escludere a priori il diritto di Clarion a considerare l’evento come fiera esclusiva per operatori e giornalisti di settore.