Intervistato da Repubblica, il direttore generale di Adm, Marcello Minenna (nella foto) ha spiegato che al momento il tagliando è custodito dai Carabinieri che sono immediatamente intervenuti per accertare i fatti dopo la denuncia della signora. All’atto del dissequestro potrà essere o consegnato alla legittima titolare oppure direttamente all’Agenzia per l’avvio delle procedure di reclamo e riscossione. In questo caso specifico, per incassare la vincita la signora dovrà fare un’istanza a quest’ultima. “Considerata anche la vicenda, all’esito delle determinazioni che intenderà assumere l’autorità giudiziaria, ho già incaricato gli uffici che si occuperanno del reclamo premi di provvedere a inviare un funzionario dal legittimo proprietario del tagliando per la sottoscrizione di tutti i moduli necessari” ha detto.

Per quanto riguarda i tempi, Minenna ha affermato che tutto dipenderà dalle modalità del dissequestro. Se questo ha in sé i presupposti della dimostrazione della titolarità del biglietto in capo alla signora, l’Agenzia si attiverà immediatamente. Di solito da quando viene presentato un biglietto vincente all’incasso e all’effettiva erogazione del premio trascorrono circa 20-25 giorni.

Il direttore ha infine spiegato che la controparte è libera di sporgere denuncia anche se in questo caso, “avendo gli ufficiali di polizia giudiziaria raccolto prove circostanziate, costoro saranno in grado di fornire all’autorità giudiziaria la documentazione utile a dimostrare il reale sviluppo dei fatti“. Qualora ci fosse un contenzioso, anche di natura civilistica, per la riscossione bisognerà quindi attendere l’accertamento giuridico della vicenda.

Nel frattempo sarebbe emersa una telefonata fatta dal tabaccaio alla signora, chiamata decisiva per ricostruire i fatti e dimostrare il tentato raggiro da parte dell’uomo, che è stato sottoposto a fermo dai carabinieri e successivamente portato nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Inoltre la telecamera di sicurezza della tabaccheria pare abbia chiarito i dubbi sulla proprietà del tagliando vincente, che sarebbe da attribuire all’anziana donna.

Di seguito riportiamo anche l’intervento del direttore Marcello Minenna a Uno Mattina: