Si è concluso con il segno positivo, nonostante le difficoltà connesse all’emergenza sanitaria mondiale, il bilancio 2020 delle attività dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, Direzione Territoriale Toscana, Sardegna e Umbria, diretta dal dott. Roberto Chiara.

Tanti, come noto, i settori delegati all’ADM, sia in campo tributario che extra-tributario: dai controlli e accertamenti su accise, dazi doganali e IVA, a quelli su importazione ed esportazione di valuta, alla verifica delle merci in transito, ai traffici illeciti di droga e sigarette, alle deleghe su ambiente e rifiuti, alla lotta alla contraffazione e tutela del Made in Italy, alla sicurezza dei prodotti (alimentari, farmaceutici, DPI Covid-19, giocattoli, etc.), alla sorveglianza su giochi e tabacchi, fino alla più recente gestione della lotteria degli scontrini.

Sotto il profilo meramente contabile, grazie alle capillari attività, tradotte in oltre 48mila operazioni di controllo (documentali, c/o aziende, su passeggeri in transito in porti e aeroporti, etc.), la ADM Toscana, Sardegna e Umbria ha garantito la riscossione di quasi 4 miliardi di euro di dazi doganali, Iva all’importazione e accise, l’accertamento di oltre 195 milioni di euro di maggiori diritti accertati nei settori dogane e accise (con un incremento del 26% rispetto all’anno precedente) e, sotto il profilo del sostegno alle imprese e all’economia, quasi 131 milioni quali riaccrediti o agevolazioni liquidate agli operatori, principalmente del settore autotrasporti.

Focalizzando l’attenzione sulle attività svolte in Sardegna, particolarmente significativo è risultato anche il contrasto agli illeciti extra-tributari, da cui è scaturito l’accertamento di un elevato numero di violazioni e il conseguente sequestro di ingenti quantitativi di merce.

COVID-19: l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli adotta ogni azione utile allo sdoganamento diretto e celere dei dispositivi di protezione individuale (DPI) e degli altri beni mobili necessari al contrasto alla diffusione del Covid-19. Presso il Porto Canale di Cagliari sono state sdoganate con procedura veloce 50 mila mascherine DPI, dimostrazione dell’incessante impegno per far fronte all’emergenza sanitaria in atto. L’attenzione dei funzionari ADM si è concentrata inoltre sul controllo del materiale sanitario importato col sequestro, tra Sassari e Alghero, di 9 mila mascherine risultate non conformi.

Traffico di valuta: negli aeroporti sardi gli importi non dichiarati superano gli 84 mila euro. La normativa valutaria stabilisce l’obbligatorietà della dichiarazione per i trasferimenti di denaro contante di importo pari o superiore a 10.000 euro.

Lotta al traffico di stupefacenti: nel corso del 2020 sono stati sequestrati dai funzionari ADM in Sardegna 25 kg di marjiuana del valore di 229 mila euro.

Tutela dell’ambiente: nel settore ambiente sono stati sequestrati 46.500 kg di rifiuti plastici, rinvenuti al Porto Canale di Cagliari in due container destinati in Turchia e dichiarati materiale per l’industria della plastica.

Contraffazione: i funzionari ADM operano negli spazi doganali e, su delega dell’Autorità giudiziaria, sull’intero territorio nazionale e contrastano l’importazione, l’esportazione e la circolazione delle merci sospettate di contraffazione. Possono procedere alla visita delle merci e al loro sequestro, alle consegne controllate di spedizioni sospette, ai controlli a posteriori con accesso presso i locali commerciali delle aziende, così come previsto dal codice doganale e dalle norme nazionali. Nel corso del 2020 sono stati firmati 4 importanti Protocolli d’Intesa nell’ambito della lotta alla contraffazione e all’abusivismo commerciale, al fine di contrastare i fenomeni della criminalità perpetrati ai danni delle imprese nonché di rafforzare i sistemi di sicurezza passiva a tutela delle stesse. Gli atti sono stati perfezionati con i Comuni di Sassari (24 giugno), Olbia (23 luglio), Porto Torres (8 ottobre) e Alghero (9 ottobre).

Sicurezza dei prodotti: ADM adotta procedure di controllo su prodotti soggetti a prescrizioni comunitarie o nazionali che ne richiedano la rispondenza a specifiche caratteristiche di “sicurezza” e/o di “conformità”. Nel 2020 sono stati sequestrati presso gli aeroporti di Alghero, Cagliari e Olbia 253 kg di prodotti alimentari (carne, latticini, pesce e vegetali) sprovvisti di certificazione sanitaria.

Imbarcazioni: nell’ambito dei controlli volti a contrastare il contrabbando e l’irregolare permanenza nelle acque comunitarie di imbarcazioni da diporto, sono state sequestrate 3 imbarcazioni a vela. Nell’ambito dei reati di immigrazione clandestina, invece, sono state distrutte 70 imbarcazioni su un totale di un centinaio confiscate.

Rimborsi accise: è stata altresì intensa anche l’attività in favore dell’utenza e a sostegno delle imprese sul fronte delle agevolazioni e delle compensazioni economiche in materia di accise. Nel 2020, infatti, sono state liquidate agli operatori agevolazioni economiche per complessivi 47,86 milioni di euro tra agevolazioni agli autotrasportatori (24,69 milioni), riaccrediti (23,10 milioni) e agevolazioni ai tassisti (65 mila euro).

Dogana a Km 0: gli Uffici ADM sardi hanno riconosciuto lo status di esportatore autorizzato a 11 imprese con un incremento rispetto all’anno precedente del 120%. Tale riconoscimento consente all’operatore di attestare, in autonomia e nella propria azienda, l’origine preferenziale dei beni direttamente in fattura, indipendentemente dal valore della fornitura.
Il beneficio dello status di esportatore autorizzato va ad aggiungersi alle semplificazioni derivanti dall’autorizzazione al “luogo approvato” che consentono di effettuare dogana a chilometro zero presso la propria sede, permettendo la consegna al vettore della merce già sdoganata per l’esportazione.

Giochi e tabacchi: l’Agenzia esercita il ruolo di presidio dello Stato nei settori dei giochi e dei tabacchi, garantendo gli interessi dell’Erario attraverso la riscossione dei tributi, tutelando il cittadino attraverso il contrasto agli illeciti e gestendo il mercato attraverso concessioni e atti regolamentari. L’attività della Direzione si è concentrata sulla lotta al gioco illegale, sul contrasto alle cause delle varie forme di ludopatia, sulla prevenzione e repressione del gioco e del tabagismo minorili. Sul territorio sardo sono state condotte numerose operazioni sia in autonomia, sia in collaborazione con altre Forze di Polizia, per verificare il rispetto della normativa di settore, con particolare riguardo alle norme sul contrasto alla diffusione della pandemia da Covid-19, che prevedono la sospensione delle attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e casinò. Nell’ambito del contrasto al gioco illegale sono stati controllati 676 esercizi, con il riscontro di 259 irregolarità. L’imposta accertata e le sanzioni amministrative e tributarie ammontano a oltre 2 milioni di euro. Sono stati inoltre sequestrati 16 apparecchi da intrattenimento. Nel settore dei tabacchi il controllo ha riguardato 408 esercizi tra rivendite e distributori automatici su un totale di 2.240 censiti.

Esportazioni agroalimentari: nel settore agroalimentare i numeri più importanti sono dovuti alle esportazioni di formaggio per un valore complessivo di oltre 81 milioni di euro dei quali circa 59 sono transitati negli uffici doganali della Sardegna per poi uscire dal territorio comunitario attraverso le Dogane di La Spezia o di Livorno. Nel settore del vino, a fronte di un totale di esportazioni di vino sardo per un ammontare di quasi 12 milioni di euro corrispondenti a oltre 1 milione e 830 mila bottiglie, un quarto del prodotto è stato oggetto di operazioni registrate negli uffici doganali isolani. Per quanto riguarda infine la produzione dell’olio d’oliva, il valore del prodotto esportato ammonta a circa 5 milioni di euro.

Brexit: come previsto il ciclone Brexit si è abbattuto su una larga platea di operatori economici che hanno dovuto affrontare non poche difficoltà per conservare le proprie quote di mercato. L’Agenzia non ha fatto mancare il proprio apporto attraverso un’intensa attività di informazione e comunicazione, che si è sostanziata anche tramite la pubblicazione di numerose FAQ sul sito internet istituzionale. Sono stati inoltre realizzati due seminari divulgativi sulle conseguenze della Brexit sugli scambi commerciali UE/UK presso le Camere di Commercio di Sassari (22 gennaio 2020) e Cagliari (7 febbraio 2020).

Laboratorio Chimico di Cagliari: effettua analisi chimico-merceologiche che si traducono in certificazioni su numerose tipologie di prodotti, dagli alimentari (vini, birre, bevande alcoliche, cereali, olii vegetali) ai prodotti industriali (prevalentemente petroliferi). Avvalendosi di personale tecnico altamente qualificato e strumentazione scientifica all’avanguardia, fornisce supporto per l’individuazione e l’esecuzione delle determinazioni necessarie a soddisfare le esigenze del Cliente. Istituzionalmente effettua prove analitiche finalizzate alla formulazione del parere di classifica nell’ambito dell’accertamento doganale e alla verifica di conformità a norme e capitolati delle merci. Nel 2020 sono state effettuate 2.111 analisi, delle quali 1.339 hanno riguardato gli stupefacenti. Il Laboratorio esegue tutte le prove chimiche previste dal disciplinare di produzione dell’olio extravergine d’oliva D.O.P. SARDEGNA per le quali è accreditato. Svolge inoltre l’analisi organolettica su oli di oliva vergini ed extravergini (Panel Test); per quest’ultimo scopo è presente presso la struttura un Comitato di Assaggio ufficiale, riconosciuto dal MIPAAF (Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali), poiché il test di assaggio è obbligatoriamente richiesto per la classificazione degli oli (Regolamento Comunitario CEE 2568/91). A seguito dell’esperienza maturata, il Laboratorio è un importante riferimento per i produttori locali di olio extravergine.

Questi sono i risultati ottenuti da ADM sul territorio della Regione Sardegna, cui si affiancano altre rilevanti operazioni, illustrate quest’oggi a Cagliari dal Direttore Territoriale, dott. Roberto Chiara, nell’ambito del contrasto ai traffici illeciti e all’evasione fiscale, della tutela della salute, dell’ambiente e della sicurezza dei cittadini.