Nei primi due mesi del 2022 la spesa effettiva per le scommesse sportive in agenzia (ottenibile sottraendo le vincite all’importo complessivo giocato) è stata di 164,78 milioni di euro (-23,47% rispetto al periodo gennaio-febbario 2020, quando la spesa era stata di 215,3 milioni). E’ quanto emerge dai dati – elaborati da Jamma – contenuti nel report diffuso dall’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli.

Napoli è la provincia con la spesa più alta: 23,55 milioni in 1.071 agenzie. Segue Roma con 12,72 milioni di spesa in 632 agenzie. Al terzo posto Milano con 8,26 milioni di spesa in 411 agenzie. Il giocato complessivo ammonta a 726,04 milioni, mentre le vincite complessive dei giocatori ammontano in totale a 561,25 milioni (il payout è del 77,30%). Per quanto riguarda il dato della base imponibile media per accertamento induttivo al primo posto si piazza la provincia di Rimini: qui in ognuno dei 25 punti vendita sono stati giocati in media 188.097,96 euro. Scarica tutti i dati al seguente link: scommesse sportive in agenzia.

Articolo precedenteMinenna (ADM): “Gioco d’azzardo illegale e mercati finanziari: schemi spesso simili, ecco come si interviene”
Articolo successivoScommesse ippica: Honeysuckle osservata speciale alla Champion Hurdle, il trionfo a Cheltenham a 1,63 su Sisal